#BacktoWork: Storia di Marta

Grazie alla campagna Back to Work, con il metodo Work Design 5 donne stanno verificando la la loro proposta di valore. Segui i loro racconti sul blog di Piano C: sono 5 donne straordinarie, e sono pronte a rimettersi in gioco

 

RICOMINCIO DA ME

E’ sera. Cucina sistemata, bambini lavati e inpigiamati pronti per andare a dormire.
Finalmente il mio adorato divano mi aspetta. Prendo una rivista, mi siedo e inizio a sfogliarla. E un titolo subito cattura la mia attenzione: “Ricomincio da me”. Tre parole che sento totalmente mie e che si addicono perfettamente a questo pezzetto di vita che sto affrontando ora…
Perché dopo aver passato un po’ di anni a saltare da un posto di lavoro a un altro e dopo una pausa meravigliosa dettata dall’arrivo dei miei due bambini Francesco e Cecilia, ora sento che è arrivato proprio il momento di ricominciare da me, dalle mie vere passioni, dai miei veri interessi e di provarci senza paura di sbagliare.

Mi ricordo ancora la telefonata di mia sorella a Gennaio che mi diceva: “Marta, conosci Piano C? Ho letto che stanno proponendo un percorso formativo che si chiama Back to work. C’è una selezione a cui partecipare. Vuoi provarci? Ti mando il link?”.
Senza esitazioni la mia risposta è stata: “Certo che sì”.

Le risposte a quelle domande le ho scritte di getto. Forse per la prima volta in vita mia non sono stata troppo a pensare a cosa poteva essere giusto scrivere o meno, ho seguito semplicemente il mio istinto. Mi sono messa a nudo e ho raccontato di me, come donna e come mamma.
E direi che è stata la scelta più giusta che io potessi fare perché ora mi ritrovo alla fine di questa splendida avventura in cui ho conosciuto delle fantastiche compagne di viaggio che con la loro storia, i loro spunti e il loro supporto mi hanno aiutato ad affrontare questa nuova sfida con grinta ed entusiasmo.
Mesi di riflessione, di lavoro che mi hanno portata a mettermi in discussione più volte, a mettermi in ascolto di me stessa e ad alzare le antenne per connettermi con il mondo attorno a me.
Per la prima volta non ho avuto timore di espormi, di confrontarmi, di cercare contatti e presentarmi loro.

E così il mio essere stata, da una parte, educatrice, aver lavorato per anni a stretto contatto con i bambini, e dall’altra il mio essere mamma e quindi dover far fronte a nuove esigenze, ha fatto nascere in me la voglia di mettermi a disposizione della famiglia, in particolare delle mamme.
Ho deciso di avvicinarmi al mondo delle associazioni di promozione sociale che si occupano di sostegno alla maternità e genitorialità attraverso corsi per mamme e bambini, incontri e approfondimenti con personale qualificato.
Luoghi che andando a visitare di persone hanno profumo di casa. Accolgono la mamma, le sue richieste, le sue domande, le sue paure senza remore, offrendole supporto, confronto con altre donne e perché no una pausa per potersi rilassarsi e socializzare.

Accoglienza e cura sono i cardini su cui voglio si basi la mia professionalità. Essere un punto di riferimento per tante donne che come me hanno bambini piccoli e bisogno di ascoltare ed essere ascoltate, di scambiarsi idee ed esperienze, di aiutarsi e supportarsi a vicenda.
Organizzare e proporre laboratori (in particolare sulla lettura ad alta voce), creare momenti di condivisione con esperti come psicologi, ostetriche, nutrizionisti, pedagogisti o proporre servizi d’aiuto per la gestione dei bambini è quello di cui voglio occuparmi, la mia proposta di valore.
Sono convinta che questa strada può essere percorribile e che mi sentirei appagata nell’affrontarla perché, in primis, è una sfida in cui credo fermamente, e poi perché credo sia utile per l’altro e stimolante per me.

Un accompagnare la donna nel bellissimo viaggio di essere diventata mamma e perché no, ripensando alle tre parole che danno voce a questi pensieri scritti in queste poche righe, offrirle la possibilità di ricominciare da sé!

Marta, 35 anni e mamma felice di Francesco e Cecilia, due piccole canaglie! La parola che più mi contraddistingue è cura. Cura per i miei cari, cura per i particolari, cura nell’organizzazione di gite per i miei bambini, di viaggi o anche semplicemente di cene con gli amici. Adoro prendermi cura del mio tempo e di quello degli altri. Lo faccio con passione e se il tutto rende felice chi mi sta attorno allora si che mi sento davvero appagata e soddisfatta!

Nessuno ha lasciato commenti su questo articoli - vuoi iniziare tu?

Lascia il tuo commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.