Buon C to Work (3°) a tutte!

Siamo al terzo giro di C to Work, e per me è sempre fonte di meraviglia incontrare le “ragazze” che avremo la fortuna di avere qui con noi per tre mesi. So che sono state scelte tra centinaia e che nel processo lasciamo sempre un pezzetto di cuore con tutte quelle che non possiamo accogliere. Non subito, almeno: prima o poi troveremo il modo di avere a Piano C anche loro!

Le nostre “magnifiche 10” quest’anno mi sembrano particolarmente giovani: in realtà molte di loro sono della mia generazione e a farmele apparire così nuove è probabilmente la curiosità e la voglia che accende i loro occhi e anima i loro racconti. Ognuna ha una storia, una professionalità, un sogno. Noi siamo certe che abbiano soprattutto moltissimo da dare al mondo del lavoro, e che la società italiana abbia un gran bisogno proprio di loro. Le aspettative, quindi sono altissime: buon lavoro ragazze!
Riccarda Zezza, Presidente Piano C

QVC ha da sempre una particolare attenzione per il mondo femminile ed è alla continua ricerca di progetti concreti a sostegno dei talenti. Per questo motivo abbiamo da subito sentito il progetto ‘C to Work’ molto vicino alla nostra natura e a quelli che sono i nostri obiettivi: valorizzazione, attenzione, cura e crescita dei talenti. Pensiamo che il sostegno alle donne debba concretizzarsi anche in attività che le aiutino a ricollocarsi nel mondo del  lavoro
Sandra De Santis, Direttore HR Italia e Francia  di QVC Italia

In un mondo del lavoro in continua evoluzione e ridefinizione, l’aggiornamento delle competenze e l’autoapprendimento sono fondamentali per la crescita personale e professionale. Per questo, un gruppo delle ragazze di C to Work lavorerà con FRED – Free Edutainment.  Un laboratorio di sperimentazione di nuovi percorsi di autoapprendimento. Per testare i prodotti di qualità che la rete offre e, allo stesso tempo, sperimentare la creazione e condivisione di contenuti formativi innovativi.
Sofia Borri, Direttrice Generale Piano C

cut

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Commenti

  1. Letizia dice:

    Buongiorno! Sono una tra le centinaia “scartate” ahimè. So che i tempi di selezione e lavoro sono stati stringatissimi, e la comunicazione con cui abbiamo saputo di non essere state selezionate è stata molto laconica. Per questo vi faccio una richiesta: sarebbe molto bello (molto, molto, molto, ma molto bello!) se con calma, quando qualcuna dello staff ne abbia il tempo, leggere un articolo che racconti a noi scartate il processo di scelta e le discriminanti che ci hanno portate dall’altra parte del cancello. Dal momento che tutte le partecipanti, suppongo, sono persone adulte in crisi professionale, credo che ci sarebbe molto utile per il nostro percorso di crescita e discussione personale.
    Vi ringrazio e un in bocca al lupo a tutte le selezionate!
    Letizia

Lascia il tuo commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.